La coppia di Kappa giocata in slowplay. Rischi e benefici

Coppia di Kappa

Non sempre è possibile, ma ci sono delle situazioni in cui è possibile evitare di spingere la coppia di Kappa al pre flop. Ecco un esempio in cui riesce tutto alla perfezione.
“È frustrante quando hai una coppia di re e un asso al flop, ma la paura che ciò accada non è un motivo plausibile per spingere preflop quando ci sono chiaramente opzioni migliori.”

Coppia di Kappa

Coppia di Kappa

La coppia di Kappa ad un torneo importante

Il Day 4 dell’Aussie Millions Main Event del 2016, un torneo che ha attirato 732 giocatori e creato un montepremi di $ 5.124.507, ha visto gli ultimi 40 giocatori tornare a giocare fino al tavolo finale a sette. Uno dei giocatori in lizza era l’australiano Dylan Honeyman, che stava cercando di migliorare il suo 21° posto colto tre anni prima.

Honeyman ha iniziato le cose in grande stile quando è stato coinvolto in una grossa mano contro Adam Reynolds. È successo nel Livello 20 (6,000/12,000/2,000) quando Honeyman ha rilanciato a 26,000 da middle position ed è stato 3bettato a 66,000 da Reynolds che giocava sul bottone. I bui hanno entrambi passato, Honeyman ha solo chiamato e sul flop è sceso **ps* 10 j .

Honeyman ha checkato, Reynolds ha puntato 78,000 e Honeyman si è fermato per qualche secondo prima di check-raisare all in. Reynolds ha perso poco tempo chiamando per 270,000 o giù di lì e ha scoperto la cattiva notizia.

Reynolds: q q
Honeyman: k k

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Entrambi i giocatori avevano una coppia molto forte, ma Honeyman aveva la migliore. Reynolds ha cominciato ad alzarsi dalla sedia e ha visto il dealer girare un a . Gli out di Reynolds si sono a quel scambiati perché adesso avrebbe avuto bisogno di un re per fare una scala, ma non è stato quello il caso, visto che un j è sceso sul river. Reynolds è stato eliminato, mentre Honeyman è salito fino a 1 milione.

Avendo assistito personalmente allo svolgersi della mano, non ho potuto fare a meno di chiedermi come sarebbero andate le cose se Honeyman avesse fatto una four-bet o un push preflop, cosa che penso che molti giocatori avrebbero fatto con una coppia di re. Reynolds sarebbe riuscito a trovare il fold? Non è da escludere.

Coppia di Kappa in slowplay

Volevo sapere perché Honeyman non ha preso quella strada, quindi ho aspettato una pausa per chiederlo al protagonista.

“Volevo mantenere tutti i suoi bluff in preflop“, mi ha detto Honeyman. “Stava 3bettando da bottone. Mi era sembrato un giocatore sensato che non giocava solo ABC. Non conoscevo il ragazzo, ma pensavo che potesse avere dei bluff con questa giocata e volevo assicurarmi che li mantenesse“.

Ha senso. Reynolds avrebbe potuto puntare in posizione abbastanza leggera e, se fosse stato così, una puntata in quattro lo avrebbe spaventato. Tenendo dei re, Honeyman non voleva assolutamente un fold.

“Non volevo spingere la mano al limite o 4-bettare light“, ha continuato Honeyman. “Volevo ottenere anche la sua continuation bet. Le dimensioni dello stack erano perfette per me per rilanciare la sua c-bet. Sperando, ovviamente, che non uscisse un asso al flop e andasse tutto bene“.

Coppia di Kappa

Coppia di Kappa

Ciò che Honeyman ha messo in conto, è il fatto che se avesse solo chiamato e poi fatto check al flop, Reynolds avrebbe probabilmente fatto una continuation bet. Questo ha permesso al piatto di gonfiarsi prima che Honeyman spingesse. Se Reynolds non avesse avuto una mano molto buona.

Alcuni di voi stanno senza dubbio pensando: “Ha rilanciato perché i re sono rimasti probabilmente la mano migliore su quel flop”. In effetti, se al flop fosse sceso un asso, Honeyman si sarebbe trovato in una brutta situazione, come ammette serenamente. Tuttavia, era un rischio che era disposto a correre nella speranza di vincere un piatto molto più grande che lo avrebbe messo in condizione di vincere potenzialmente il torneo. Se fosse arrivato un asso, avrebbe dovuto rivalutare la sua azione al flop. In caso contrario, avrebbe tenuto fede al suo piano, come è esattamente successo, con i suoi re.

L’asso al flop come freno

È frustrante quando hai una coppia di re e un asso al flop, ma la paura che ciò accada non è un motivo plausibile per spingere preflop quando ci sono chiaramente opzioni migliori. In questa mano, tenendo conto delle dimensioni della posizione e dello stack, Honeyman ha riflettuto bene e ha deciso che chiamare fosse la sua migliore opzione.

Ovviamente questo lo ha portato a ottenere il massimo valore grazie alla mano di Reynolds, ma anche se non l’avesse fatto, Honeyman avrebbe vinto un piatto discreto, grazie alla linea che ha preso.

La prossima volta che ti ritrovi in ​​possesso di una grossa coppia e sei di fronte a una three-bet, prova a verificare se ci sono le condizioni per giocarla come ha fatto Honeyman e considera tutte le tue opzioni. C’è sicuramente più di un modo per giocarci.

Per la cronaca, Honeyman arrivò quinto nel torneo per $ 238.023, il suo più grande incasso fino ad oggi. Vinse Alan Engel

 

Author: Paula Dunn