partypoker diffonde un report sul lavoro relativo alla sicurezza online

Ko Week

Ko Week

Nel poker online, non c’è nulla di più piacevole del giocare in totale tranquillità e sicurezza, sapendo che la poker room in cui si gioca sia regolare e corretta.

A questo proposito, la room online Partypoker da tempo attua una policy estremamente decisa nella lotta ai malfattori. Recentemente, infatti, ha diffuso un report inerente i dati di sicurezza dal 2018 al 2022, parlando di account chiusi e montepremi sequestrati e redistribuiti tra i giocatori onesti.

Il lavoro di Partypoker per la sicurezza

Nel 2021, il team di sicurezza di Partypoker ha sequestrato e ridistribuito un totale di $ 43.344 , chiudendo un totale di 322 account che sono risultati attribuibili a giocatori scorretti o che praticavano comportamenti illeciti e scorretti.

Questo fatto non sorprende, dal momento che Partypoker è da tempo impegnata in una vera e propria crociata contro i bot e gli strumenti di supporto in tempo reale a partire dalla fine del 2018, condannando fin da subito i primi casi fraudolenti.

Da allora, la sala non ha smesso di attuare misure di sicurezza e controlli, dimostrando essendo una delle aziende più impegnate nella gestione e nel miglioramento dell’ecosistema poker, fondamentale per la crescita del settore.

Gli accorgimenti vietati

Alcune tra le regole imposte da Partypoker negli ultimi anni comprendono il divieto dell’utilizzo dell’HUD ai propri tavoli, dei software di auto-seduta,  di condivisione dello schermo. Non sono consentiti i software di accesso remoto o l’uso di software di supporto strategico, che resta severamente vietato.

Ad oggi, si sta lavorando per perfezionare il software di modo che non consenta il fenomeno del ratholing (ovvero, nel cash game, quel mal costume per il quale un giocatore esca da un tavolo e vi rientri con una cifra minore rispetto a quanto accumulato sino a quel momento).

In ogni caso, dal 2018 ad oggi, Partypoker ha comunicato di aver chiuso più di 1.700 account, raccogliendo e ridistribuendo oltre $ 1,9 milioni tra i giocatori che sono risultati danneggiati dai comportamenti irregolari di alcuni utenti.

I trend di chiusura

Grazie agli sforzi profusi dalla room, i dati che oggi sono a nostra disposizione testimoniano l’ottimo lavoro effettuato da Partypoker. Se nel dicembre 2018, sono stati sequestrati $ 416.967, e chiusi 76 account, col numero nel 2019 che è salito a $ 987.646 con 713 account chiusi.  L’anno 2020 ha iniziato a riflettere un cambiamento in meglio, con $ 462.541 ridistribuiti dopo la chiusura di 608 conti. I dati del 2021 sono quindi eccezionali, con con 322 conti chiusi e solo $ 47.344 ridistribuiti: cifre, queste, che testimoniano il buon lavoro del dipartimento di sicurezza e certificano, su Partypoker, come viga sempre di più òa regolarità.

Author: Paula Dunn