Tony G apre le porte del suo resort ai rifugiati

Antanas Guoga, meglio conosciuto come Tony G, è un uomo da sempre in prima linea per rivendicare l’indipendenza della Lituania e dei paesi ex sovietici in Europa. Il fondatore di Pokernews ha doppio passaporto australiano e lituano e quando è stato eletto nel Parlamento europeo (nel 2014) ha sempre rivendicato la libertà dello stato baltico, appartenente dal 1940 al 1990 all’URSS.

Per chi non conoscesse la storia, i lituani furono i primi, 32 anni fa, a dichiarare la propria indipendenza da Mosca.

Le origini di Tony G e l’elezione nel parlamento UE

Nato nel 1973 a Kaunas, in Lituania, da ragazzino (all’età di 11 anni) si è trasferito con la famiglia a Melbourne, in Australia, durante la guerra fredda e il Muro di Berlino, quando espatriare dall’URSS non era semplice, tutt’altro.

Cresciuto quindi in un contesto non facile, Antanas anche in Australia non si è mai scordato delle sue origini e ha sempre rivendicato il valore dell’indipendenza lituana verso la Russia (fu invasa dall’Unione Sovietica nel 1940).

Nel 2014 il suo attivismo lo ha portato a essere eletto per il Parlamento dell’Unione Europea per conto del Partito Liberale lituano, come rappresentante del suo paese a Bruxelles.

Tony G nella black list del Cremlino nel 2017

Dal punto di vista politico si è esposto e non ha mai nascosto e combattuto il pericolo della minaccia russa verso l’indipendenza della repubblica Lituana. Per questa ragione nel 2017, il Cremlino l’ha messo nella black list , incluso in un elenco speciale tra le persone che non possono più entrare nella Confederazione russa.

Tra Mosca e il giocatore di poker e businessman Antanas Gouga i rapporti non sono mai stati idilliaci.

La guerra in Ucraina e la solidarietà di Antanas Gouga

D’altronde dal punto di vista geopolitico la Lituania rimane la Repubblica più a sud tra i paesi baltici e per questa ragione più vicina al teatro di guerra dell’Ucraina. Anche in virtù di questa vicinanza geografica, Tony G ha annunciato su Twitter di voler aprire le porte del suo resort ai rifugiati che stanno scappando dalla sanguinosa guerra voluta da Mosca.

Un bel gesto di solidarietà da parte dell’uomo d’affari e giocatore lituano:

 

It’s time for everyone to help the people of Ukraine. My resort is open to those families that are seeking refuge. The first family just arrived today. Let’s all think of ways we can help. If u have people that need help please contact info@tonyresort.lt

— Tony G (@TonyGuoga) February 26, 2022

Author: Paula Dunn